lunedì 28 dicembre 2009

Comprensibile



Se a forza di andare a fare il giretto nella casa degli specchi, sei riuscito o riuscita conservarti il naso integro, guardati in mezzo alle cosce prima o poi troverai che la temperatura non è pervenuta. 
Se l'unica volta in cui ti  hanno dedicato un paio si sculaccioni decenti, era per caso e non per desiderio, intuisco, sia
semplicemente, 
perchè passavi, 
fortuitamente, 
per indomita codardia, 
da quelle parti. 
A forza di infatuarti non rischierai mai un una prognosi sorridente, e non riesci a inarcare l'angolo delle labbra, a nessuno.  Ne mi fai piangere, per più di una sera. 
Hai Parco delle Vittorie, ma il profumo e l'umore eccitato, stanno oltre il fossato, che ti cinge d'assedio. 
Divertiti con il dito medio e con l'indice, delle note
a piè di pagina. 

Song:

2 commenti:

il Russo ha detto...

Caro vecchio sporcaccione, sei venuto a farmi gli auguri proprio mentre io ero qua sopra che te li stavo scrivendo!
Che dire, continua con il tuo taccuino informatico, sappi che io tifo per te.
Un abbraccio e buon 2010.

listener ha detto...

:o))))